• POLO AGRIFOOD – Miac Scpa
  • 12025 Dronero (CN) Via G.B. Conte 19

TRAMO - TRAcciabilita e sicurezza del MOscato Spumante mediante analisi di elementi in tracce


CAPOFILA: Antica Cantina Boido s.r.l.

PARTNER: Capetti elettronica s.r.l., Sinergo Soc. coop. Centro studi, Ricerche, Servizi


COSTO: 723.905,90€

CONTRIBUTO: 398.148,24€


DURATA: 24 MESI FINE

PROGETTO: OTTOBRE 2019


ABSTRACT: L'eccesso di uve Moscato piemontesi non può essere vinificato e venduto come Asti DOCG in quanto va oltre le quote definite dal disciplinare. Pertanto, tale quota è normalmente vinificata come Moscato Spumante e commercializzata come prodotto di provenienza locale, con tutti i vantaggi legati al fatto di essere un prodotto piemontese. Tuttavia, una larga fetta di questo mercato è aggredita da mosti di provenienza dall'area extra-DOCG piemontese (e in particolare dall’ estero) che vengono fermentati e venduti anch’essi come “Moscato Spumante”, andando chiaramente in conflitto con lo Spumante prodotto da uve locali, con scarso controllo della tracciabilità e della sicurezza.

Il presente progetto mira a sviluppare un protocollo di tracciabilità del Moscato Spumante mediante due approcci paralleli e complementari, di elevato interesse per i Partners partecipanti:
1. Il primo di essi consiste un approccio analitico-chemiometrico volto ad individuare un set di parametri legati alla filiera terreno-uva-mosto-vino. Su tale set di parametri sarà poi costruita una innovativa rete di sensori controllata da applicazione software, atta a monitorare un impianto pilota di vinificazione, anche grazie al supporto della PMI Innovativa Capetti Elettronica, atta a monitorare la provenienza dei mosti prima del processo di vinificazione (processo batch). In tale modo si prevede di raggiungere un soddisfacente livello di tracciabilità, e una adeguata prevenzione di anomalie e frodi.
2. Parallelamente al precedente approccio, si svilupperà una metodica più fine, basata sull’analisi dei microelementi (marcatori chimici) mediante tecniche analitiche altamente sofisticate e potenti come la Spettrometria di Massa con Plasma Induttivamente Accoppiato (ICP-MS) e la Spettroscopia Magnetica Nucleare (NMR), grazie al supporto dell’Ente di Ricerca UPO. Tale metodica consentirà di discriminare nel dettaglio eventuali casi dubbi e di offrire maggiore precisione nella tracciabilità, validando così i risultati del precedente approccio. La tecnologia oggetto del progetto TRAMO consentirà la migliore garanzia del vino Moscato, non tutelato da DOCG, anche per quanto riguarda la prevenzione e repressione di adulterazioni e frodi. Da non sottovalutare inoltre la connessione fra la presenza di elementi in piccole tracce - quali le terre rare - e l’analisi olfattiva e sensoriale del vino stesso, nonché la loro influenza sul metabolismo umano.

È evidente che tale approccio potrà essere applicato anche a prodotti diversi dal Moscato Spumante nel campo vitivinicolo, oltre che ad altri prodotti del comparto agroalimentare per i quali si riesca ad adottare un analogo approccio chemiometrico, nonché di ricerca dei microelementi (marcatori chimici) di filiera. Il progetto produrrà dunque un elevato know-how in settori trasversali quali ad esempio l’elaborazione di nuovi protocolli di analisi agroalimentare e la messa a punto di strumentazione a vario titolo dedicata (sensori, elettronica, software), il cui utilizzo può essere molto ampio.

 

SCARICA PRESENTAZIONE



Il Polo AGRIFOOD opera a supporto dell'innovazione e della competitività del settore agroalimentare mettendo in rete la conoscenza di PMI, start up innovatrici, grandi imprese ed enti di ricerca operanti nei principali settori del comparto agroalimentare piemontese.

ADERISCI AL POLO